home@edilconsulti.com | +39 0543 540737

News & Offerte.

PIASTRELLE IN MONOCOTTURA, BICOTTURA O GRES PORCELLANATO?

Share this:

Questa è una domanda frequente quando dobbiamo scegliere il rivestimento per il bagno o i pavimenti per la casa.

A seconda di quando viene applicato lo smalto e di quante cotture subisce l’impasto ceramico, la piastrella si dice monocottura oppure bicottura.

Un altro materiale, attualmente molto utilizzato, è il gres porcellanato che si ottiene attraverso la cottura a temperature molto alte e ad una pressatura molto elevata dello stesso impasto.  La possibilità di utilizzare forni che raggiungono temperature molto elevate consente l’utilizzo di materie prime di migliore qualità (come argille e quarzi), donando alla piastrella maggiore compattezza.

Potete vedere alcune immagini dei nostri prodotti in monocottura, bicottura e gres porcellanato nella sezione prodotti del nostro sito.

Quali sono le principali caratteristiche di queste piastrelle?

  • Monocottura: Si tratta di piastrelle smaltate, formate per pressatura, sottoposte ad un unico processo di cottura, vale a dire che il supporto e lo smalto vengono cotti contemporaneamente. Idonee soprattutto per la pavimentazione interna e, se a basso assorbimento d’acqua, esterna.
  • Bicottura: Sono piastrelle che vengono prodotte con doppia cottura, la prima per il supporto e la seconda per lo smalto. Avendo una superficie brillante e di particolare pregio ma delicata per le pavimentazioni, vengono usate prevalentemente come rivestimento.
  • Gres porcellanato: Sono piastrelle con supporto chiaro o colorato, ottenute per pressatura. Si tratta di piastrelle estremamente compatte e caratterizzate da porosità quasi nulla ,soprattutto con un grado di assorbimento dell’acqua bassissimo. Le ottime caratteristiche tecniche ne hanno decretato grande diffusione per tutti i campi di utilizzo. Il gres porcellanato può essere smaltato o non smaltato (naturale), colorato in massa o a supporto non colorato. Nel caso del gres sono possibili e frequenti anche successive lavorazioni quali: levigatura, lappatura, rettifica, allo scopo di raggiungere particolari aspetti estetici.

ALTRI POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *